Trasporti e informazioni utili

Trasporti e informazioni utili

Come arrivare

 

aeroporto-fellini-rimini

In aereo, l’aeroporto di Rimini “Federico Fellini” si trova nella frazione di Miramare ed è collegato con le principali città italiane da servizi di linea e voli charter. Dista 8 km dal centro storico, e lo si può raggiungere con un bus navetta che parte dalla stazione centrale ogni 30 minuti. Rimini è facilmente raggiungibile anche dagli aeroporti “Luigi Ridolfi” di Forli , “Raffaello Sanzio”di Falconara, “Guglielmo Marconi” di Bologna.

In auto, da nord Rimini è raggiungibile con l’autostrada A14 da Bologna. Da sud, oltre alle autostrade A1 e A14, si può prendere la superstrada E45, che attraversa l’Appenino  collegando Cesena e Roma; si può arrivare a Rimini anche percorrendo  la SS 16 Adriatica o, da Venezia, la SS 309 Romea.

stazione rimini

In treno, Ancona si trova sulle linee ferroviarie Milano- Lecce e Roma-Ancona. I centri minori sono raggiungibili attraverso un capillare sistema di autocorriere.

In pullman, autobus per tutte le destinazioni urbane ed extraurbane: piazzale C. Battisti

Via mare, si può arrivare ormeggiando al porto canale o alla Nuova darsena.

 

 

Come muoversi

In auto, il centro storico di Rimini è Zona a Traffico Limitato, chi arriva in auto può servirsi  di uno dei numerosi parcheggi, la maggior parte dei quali sono a pagamento, in zona mare o nel centro storico. La mappa dei parcheggi si può trovare sul sito dell’Agenzia per la Mobilità della provincia di Rimini.

rimini centro storico

Con i mezzi pubblici, date le sue ridotte dimensioni il centro storico di Rimini si gira agevolmente a piedi; il servizio di autobus pubblici offre comunque la possibilità di raggiungere agevolmente le località della costa e dell’entroterra, anche con corse stagionali che si aggiungono all’orario consueto. In estate è attivo anche il Blu Line, un autobus notturno che collega le principali discoteche della zona.

 

Musei

Galleria d’arte moderna e contemporanea di Villa Franceschi, ampia raccolta di opere d’arte moderna e contemporanea, che propone tra gli altri i lavori di Enrico Baj, Alberto Burri, Sebastian Matta, Mario Schifano.

Museo della Città, allestito nell’ex Collegio dei Gesuiti, il Museo della Città conserva opere d’arte di scuola riminese, come gli affreschi staccati del Giudizio Universale, e un’importante  sezione archeologica  che raccoglie mosaici e suppellettili ritrovati negli scavi dell’antica Ariminum.

Museo degli Sguardi, situato in una villa settecentesca  sul colle di Covignano, il Museo degli Sguardi  è una raccolta etnografica  comprendente oggetti dai cinque continenti, tra cui la raccolta  di reperti precolombiani Ugo Canapa.

museo degli sguardi

Fondazione Federico Fellini, la fondazione organizza manifestazioni in ricordo del regista e custodisce il suo ricco archivio, esponendo a rotazione documenti e disegni.

Museo delle conchiglie, in una vecchia torre di guardia è conservata un interessante collezione di conchiglie:tra gli esemplari più rilevanti alcuni nautili dell’Oceano Indiano, ostriche perlifere e numerosi scheletri  di organismi marini: madreporari, echinodermi, grossi crostacei, corazze di tartarughe.

Museo degli Usi e dei Costumi della gente di Romagna, il museo espone oggetti e documenti relativi alla vita contadina e alle tradizioni popolari della Romagna meridionale.

Museo Paleontologico Comunale, allestito nella rocca malatestiana, il museo vanta una notevole collezione  di fossili di fauna  e flora rinvenuti  nel territorio comunale, risalenti alla fine del Miocene; particolarmente ricca la raccolta di pesci e volatili. Chiedendo al personale è possibile visitare anche l’esposizione permanente di maioliche, che presenta esemplari del Rinascimento e organizza  periodicamente laboratori creativi sul tema della ceramica.

Museo paleontologico

Biblioteca Civica Gambalunga, una delle più importanti biblioteche italiane, ospitata al piano nobile di Palazzo Gambalunga che il proprietario lasciò in eredità  al Comune nel 1619. Già nel 1620 la Biblioteca contava quasi milecinquecento volumi e circa duemila opere: ai libri e ai preziosi codici  antichi si aggiungono oggi la Cineteca, la Mediateca e un cospicuo Archivio  fotografico.